A.R. Bettazzoni, 2013

Vittorio Mameli è figlio della Sardegna. Qui nasce nel 1944, a Bonorva, in provincia di Sassari, e trascorre i suoi primi 19 anni, tra agricoltura e pastorizia. Fin da ragazzo ama dare ‘forma’ e trasformare in ‘scultura’ i materiali poveri, come diremmo oggi, che la terra mette a disposizione: pietre, sughero, legno. I sacchi usati per il cemento diventeranno le sue prime tele.
Nel 1963 emigra ‘in continente’, in Toscana, dove rimane 4 anni. Si trasferisce quindi sulle colline bolognesi, a Stiore di Monteveglio, dove riprende, nel dopolavoro, acquarelli e olio.
Nel 1968 approda a Castelfranco Emilia, dove incontra e sposa Ersilia, che gli darà la figlia Sonia e dove resterà per gli anni a venire. E sarà proprio Ersilia a spingere Vittorio a riprendere in mano l’antica passione lasciata da ragazzo. Riprendono corpo così, inizialmente come dono per la fidanzata, le sculture in legno.

Leggi tutto...

A.C. Simonini, 2007

A Vittorio Mameli

Non è facile parlare di sensazioni che insorgono all’incontro con opere d’arte che come “libri a rilievo’ raccontano di tempi lontanissimi, di generazioni da millenni presenti nella memoria indelebile dell’uomo, in questi giorni disperatamente alla ricerca delle proprie radici.

Leggi tutto...

A.C. Simonini, 2005

A Vittorio Mameli
Per la mostra "VISIONI" allestita al Palazzo Boschetti in San Cesario sul Panaro

Ho visitato la mostra e ne ho avuto uno strano impatto visivo. Vedevo solo OCCHI! L’onda infinita di quelle teste scolpite a bassorilievo e colorate con colori naturali, mi inseguivano stranamente guardandomi ora seriamente, ora ironicamente, ora minacciosamente ma il più delle volte MISTERIOSAMENTE.

Leggi tutto...

S. Negrini, 2005

Ricordo, come fosse ora, lo studio dello scultore Vittorio Mameli. All’ultimo piano della sua abitazione l’aria è tersa, intrisa d’odori agri ma al contempo accattivanti, la luce qui pare monocromatica, sopraffatta com’è dal ligneo colore, poi ovunque anche negli angoli più impensabili legni scolpiti, lavorati a mano ad uno ad uno, invadono lo spazio.Qui, dove tutto è frutto d’infinita passione e devozione, pare fermarsi il tempo, par essere proiettati in una dimensione altra, metafisica dove donne, dagli esili corpi, passeggiano con i loro variopinti ombrellini, e dove uomini, viandanti per necessità, racchiudono il mondo in una valigia.

Leggi tutto...

A.C. Simonini, 1997

ARTE E POESIA / IL TEMPO CONSUMATO 72-97

… contando per decenni un'attività coltivata al margine dell'usuale lavoro che gli permetteva di vivere una vita insieme a quella degli altri....e di capirne i bisogni....i sogni....e le storie normali degli essere normali degli essere comuni con i quali comunicava.
Questo vivere il tempo conservandone i ricordi più o meno lieti, quasi ha costretto, chi guarda con gli occhi ma sente col cuore, a lasciarne traccia oltre il tempo consumato per offrirla al tempo futuro e agli esseri che l'avrebbero vissuto.

Leggi tutto...
2019  VittorioMameli.it